Trappeto



Nella parte occidentale dell'isola, sulla rotta dei Fenici, nei mari dove si avventurò Ulisse, tra tonnare, isole e coralli, sorge Trappeto la cui origine risale al secolo XV. Prende nome dall'antico "Trappetum Cannamelarum" un opificio costruito nel 1480 per l'estrazione e la raffinazione dello zucchero di cannamela sostituita, nei secoli successivi, dalla produzione di olio d'oliva. Le prime abitazioni erano, soprattutto, case di pescatori sorte attorno alla Chiesa dell'Annunziata (1680).


Situato al confine delle province di Palermo e Trapani, Trappeto offre al visitatore scenari indimenticabili, dalle calde e assolate spiagge sabbiose alle coste a picco sul mare, attraverso itinerari suggestivi, ricchi di testimonianze archeologiche e bellezze naturalistiche, nel clima tipicamente mediterraneo dell'isola cui spetta il primato europeo del sole.